Pici senesi dell’Antico Pastificio Morelli

Pochi ingredienti ma molto versatili

 

I pici senesi sono il primo piatto della gastronomia senese. Si tratta di grossi spaghetti fatti con la farina di grano tenero e non con la semola di grano duro. Hanno un diametro di circa 3-4 mm. La loro origine è legata alla tradizione contadina delle zone della Val d’Orcia, delle Creti senesi e della valdichiana.

Era il tipico piatto povero dei contadini, siccome gli ingredienti sono limitati ad acqua e farina. Veniva considerato un piatto “levafame”. Per quanto riguarda il condimento i contadini aggiungevano ai pici senesi un po’ di olio ed un trito di cipolla. Ma si possono gustare meglio con cacio e pepe, ragu di nana, sugo di salsiccia oppure salsiccia e funghi, patate e fagioli o perché no con i condimenti più gettonati: le briciole di pane o il sugo all’aglione fatto con pomodoro, carote, sedano, cipolla e tanto, tanto aglio.

 

Questo piatto tipico del Sud della Toscana, un tempo cibo dei contadini, oggi si presenta in mille varianti. Tutte semplici, veloci e ultra gustose. Abbiamo scelto per voi una sfiziosa ricetta.

Pici senesi con cozze e pecorino di Pienza

  • 280 g di pici senesi
  • 500 g di cozze
  • 50 g di pecorino bianco di Pienza dolce
  • 2 patate
  • 2 cipollotti freschi
  • una manciata di fave fresche
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • finocchietto
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine di oliva
  • sale

 

  1. Per preparare i pici senesi con cozze e pecorino di Pienza, si aprono le cozze in una padella con uno spicchio d’aglio, qualche gambo di prezzemolo, un filo d’olio extravergine di oliva e un po’ d’acqua. Si coprono con un coperchio. Una volta aperte, si sgusciano e si tengono da parte. Si conserva anche la loro acqua di cottura.
  2. Si pulisce il cipollotto, si sbucciano le patate e si prepara una casseruola con un filo d’olio extravergine di oliva sul fuoco. Si taglia finemente il cipollotto e si fa rosolare nella casseruola. Dopo qualche istante, si aggiunge il peperoncino, eliminando la punta e i semi. Si tagliano le patate a cubetti e si uniscono nella pentola. Si ammorbidiscono le verdure, aggiungendo, di tanto in tanto, un po’ di acqua di cottura delle cozze.
  3. Si bollisce l’acqua per la pasta in una pentola e si cuociono i pici. Si sgusciano le fave e si tengono da parte. Si aggiungono le cozze alla casseruola con le verdure e si cuociono per qualche minuto.
  4. Si mettono le verdure e parte delle cozze nel bicchiere di un mixer e si frullano con un frullatore a immersione. Si aggiunge un filo d’olio extravergine di oliva e si continua a frullare.
  5. Si prepara sul fuoco una padella con un filo d’olio e setacciare al suo interno la salsa con l’aiuto di un colino. Si aggiunge un po’ d’acqua di cottura delle cozze.
  6. Si scolano i pici all’interno della padella e si termina la cottura insaporendoli con la salsa.
  7. Si aggiunge in padella qualche cozza intera. Si toglie la padella dal fuoco e si grattugia il pecorino sulla pasta. Si amalgama il tutto.
  8. Si prepara il finocchietto, si unisce in padella qualche fava e si impiatta. Si mette al centro del piatto un nido di pici, si aggiunge qualche cozza intera, la fave cotte e la salsa. Si ultima con le fave fresche e qualche ramoscello di finocchietto e si condisce con un filo d’olio extravergine di oliva. I pici senesi con cozze e pecorino di Pienza sono pronti!